lunedì 14 aprile 2014

Recensione: Asfalto di Angelo Stefani


Il male si annida talvolta dove meno te lo aspetti, ma c’è anche chi sceglie di fare davvero la cosa giusta, a qualunque prezzo. Asfalto ci racconta Il satanismo ben integrato nella (buona) società e nella realtà dei nostri giorni. La storia è accattivante, ben scritta, con un montaggio interessante: Gerardo, il protagonista, l’emarginato eroe per caso, ci parla in prima persona e al presente, alternandosi a capitoli in cui la vicenda è affidata a una narrazione in terza persona e al passato. E’ un racconto lungo, quindi trovo giusta la sintesi nelle descrizioni dei personaggi e delle situazioni che, comunque, non sono affatto approssimative. Niente male anche i tre racconti in appendice, a me le short stories piacciono e trovo che siano un genere un po’ sottovalutato, specialmente nella narrativa italiana. Bravo Angelo.