venerdì 13 ottobre 2017

C’è una strana espressione nei tuoi post

Segnalo anche qui un articolo che ho scritto per Books Hunters Blog.


Sicuramente sarà capitato anche a voi di leggere in qualche post su facebook, su twitter o su altri social, la frase “può accompagnare solo”. Le prime volte che mi sono imbattuto in questa strana espressione ho pensato a un problema col t9, il correttore automatico che sorveglia e uniformizza le nostre comunicazioni con lo smartphone, poi, notando la frequenza con cui veniva ripetuta, ho capito che non era così, che era un tormentone in voga. (contina a leggere)

mercoledì 4 ottobre 2017

L’angolo del distopico #9

Il cavallo venduto - Giorgio Scerbanenco

Un western post-apocalittico livido e violento, che anticipa certi romanzi del genere, primo fra tutti La strada di Cormac McCarthy: nell’Italia devastata da una catastrofe (probabilmente un conflitto nucleare) accaduta molti anni prima, un’umanità disperata e crudele, privata di ogni tipo di tecnologia, a parte le armi da fuoco, è divisa in comunità stabilite dove prima si trovavano le città, mentre le campagne sono percorse da pochi sbandati che vagano a piedi o su carri trainati da cavalli, l’unica legge riconosciuta è quella del più forte.
La meta, per molti di loro, è Milano, fortificata e soggetta a un duro regime militare, dove si sta ricostruendo una civiltà industriale, con tutti i miraggi e le storture del passato.
Dopo un viaggio lungo e faticoso, costellato da atrocità, incontri e tradimenti, alle porte della città, in attesa di essere scelti per accedervi, i protagonisti vengono ammoniti da un reietto, evitato e additato da tutti come matto, a “non vendere il proprio cavallo migliore per un sacco di grano guasto”, metafora del barattare la libertà per una sicurezza da schiavi.
Si sa che in letteratura, e non solo, sono spesso le parole dei matti ad essere le più sagge: è proprio il lungo monologo di questo personaggio la parte migliore del romanzo, una riflessione sul senso della vita e della giustizia spietatamente lucida ma, purtroppo, destinata a rimanere inascoltata.
Giorgio Scerbanenco (Volodymyr-Džordžo Ščerbanenko), scrittore di origine ucraina ma vissuto praticamente sempre in Italia, è molto noto per i suoi romanzi gialli e per il suo investigatore privato Duca Lamberti, non conoscevo questa sua vena distopica; ho trovato questo libro, scritto nel 1963, per niente datato, assolutamente degno di essere riscoperto.

lunedì 25 settembre 2017

Recensione: Storie fantastiche di gente comune di Stefano Valente


I romanzi e i film di avventura rappresentano spesso l’eroe come un essere superiore, dotato di qualità e poteri soprannaturali. Nella realtà gli eroi sono gente comune che non ha paura di pagare un prezzo, talvolta alto, per le loro gesta, per la loro coerenza e integrità morale.
Questo libro ce ne mostra tre esempi.
Un soldato  rinuncia alla carriera militare per amore, ma non per questo rinnega i propri ideali.
Una ricercatrice scientifica ingaggia una battaglia contro i poteri forti dell’industria farmaceutica, mettendo a repentaglio la propria incolumità e ai propri affetti.
Un avvocato, conscio di aver commesso un errore, si improvvisa detective per assicurarsi che la giustizia trionfi.
La tecnica narrativa di Stefano Valente è particolare, ogni racconto è affidato alla voce del protagonista e a quella di un narratore onnisciente, ma non per questo super partes, che a volte si rivolge direttamente al lettore.
Buono lo stile, lineare e senza fronzoli, in una raccolta che si fa leggere con piacere.

Storie fantastiche di gente comune su IlMioLibro

lunedì 18 settembre 2017

Nuovo ebook

Da oggi è disponibile il mio nuovo ebook, una raccolta di cinque racconti, dal titolo "Il primo a tornare fu il cane".

Si trova su amzon a 0,99 €, oppure gratis per chi ha l'abbonamento Kindle Unlimited.
A breve uscirà anche la versione in brossura.


Data pubblicazione: 18 settembre 2017
Lunghezza stampa: 96 pagine

Racconti:

Il primo a tornare fu il cane
L'uomo del banco dei pegni
La strega
2037
Le nostre passeggiate notturne

Incipit del primo racconto:

Il primo a tornare fu il cane.
Quel meticcio piccolino, sempre affamato, con il ringhio perenne che modulava per esprimere le sue emozioni canine, mi era sempre piaciuto. Il suo modo di dimostrare diffidenza, nascondendosi sotto il tavolino o sotto una sedia in presenza di estranei, non mi era mai sembrato indice di cattivo carattere, lo vedevo come il suo prendere le distanze dal mondo, l’esprimere un certo controllo su quello che riteneva il suo territorio esclusivo, valutandone l’eventualità di prepararsi a difenderlo. Ricordavo quando mio fratello l’aveva portato a casa, un cucciolotto malconcio e sporco, che aveva anche tentato di morderlo, mentre lo salvava da una fine certa, togliendolo di mezzo a una strada trafficata. Ci vollero diversi giorni prima che si persuadesse a farsi toccare o accarezzare, anche solo ad avvicinarsi alla ciotola del cibo in nostra presenza, all’inizio si decideva a mangiare solo quando era sicuro che non lo guardavamo. Poi, col tempo, cominciò a tollerarci, il suo carattere ribelle si  addolcì, almeno un poco, e divenne il nostro compagno, indipendente ma fedele. (continua)

Link per l'acquisto su amazon.it

sabato 16 settembre 2017

Recensione: Skyrise (Cronache di una Guerra Galattica Vol. 2) di Gianluca Ranieri Bandini


Secondo capitolo della space-opera “Cronache di una Guerra Galattica”.
Il romanzo si svolge nel 2073, pochi anni dopo gli eventi descritti nel primo volume. In questo lasso di tempo l’umanità, con l’aiuto degli alleati grigi, ha sviluppato la tecnologia per controbattere le offensive dei bellicosi Kroxth, ma basterà a difendere il pianeta Terra dalla terribile vendetta che il loro imperatore Trkuth sta preparando? Intanto gli El-Takim superstiti sfruttano la loro abilità di mutaforma per indirizzare gli esiti della battaglia finale.
In questo sequel l’autore disegna intrecci sempre più complessi, risolvendo misteri e aggiungendone altri, con l’introduzione di nuove razze e nuovi mondi che si aggiungono al variegato universo raccontato in Skyfall, che ritroveremo nel prossimo, già annunciato, episodio.
Senza voler esse ripetitivo mi sento di affermare che Gianluca Ranieri Bandini è uno scrittore di rango, ormai una realtà della fantascienza italiana.


venerdì 4 agosto 2017

Recensione: Oltre il nulla di Massimo Ginestri


Jackson è stanco di essere un “piccolo eroe delle occasioni perse”, vuole uscire di scena e vuole farlo alla grande. Nel viaggio a ritroso fra i ricordi e le macerie del suo passato, scandito dalla minuziosa e ossessiva descrizione dei gesti comuni, al punto che anche una sosta per fare rifornimento alla sua auto (non dice mai di che modello si tratta, ma per me è una Mustang del ’67…) diventa un elemento cruciale e simbolico, il nostro affronta tanti “crossroad”, ma si sa, se vuoi fare un patto col diavolo ti devi aspettare che ci sia puzza di zolfo: It’s a long way to the top (if you wanna rock’n’roll). Immersi nel flusso di pensieri che attraversa tutto il romanzo ognuno di noi diventa Jackson, perché la vita ti può togliete tante cose, ma non i sogni.
Ho trovato necessario far ricorso alle citazioni musicali parlando di questo libro, oltre alla playlist compilata dall’autore (che sarebbe la soundtrack del viaggio perfetto), c’è tanta musicalità nella scrittura di Massimo Ginestri. Mentre si legge Oltre il nulla sembra quasi di sentire una vecchia stratocaster che suona le canoniche dodici battute, e non a caso, secondo me questo è un romanzo blues, accompagnato dalla voce graffiante di Tom Waits e i guizzi dell’armonica di R.L. Burnside; poi, nel finale, la band si concede un po’ di hard-rock, pura adrenalina, prima che il solista torni sul palco per il bis. Bello, da leggere.

Aforismi #63


giovedì 3 agosto 2017

Novità in ebook: Una felicità leggera leggera di Loriana Lucciarini

Appena uscito in ebook (mentre il cartaceo arriverà a fine agosto) il nuovo romanzo di Loriana Lucciarini.



TITOLO: Una felicità leggera leggera
GENERE: Romance
EDITORE: Edizioni Le Mezzelane
AUTORE: Loriana Lucciarini

Link per l’acquisto sul sito dell'editore

SINOSSI
Una donna piena di sfumature. Un uomo chiuso nel suo mondo grigio e spento. Due cuori che s'incontrano trasformando la solitudine in colore. Ma fino a che punto l'amore può diventare la ragione per tradire? Quanto i legami e le paure possono impedire a Miriam di raggiungere quel pezzo di cielo che tanto desidera?
Un romanzo intenso e delicato, capace di scavare a fondo nell'anima, restituendoci squarci di emozioni inchiostrate di parole.


mercoledì 2 agosto 2017

Novità in ebook: Oltre il nulla di Massimo Ginestri

Appena uscito il nuovo romanzo di Massimo Ginestri, già autore di Nel cuore della strada.



TITOLO: Oltre il nulla (Spaghetti Pulp Vol. 2)
GENERE: Romanzo, narrativa contemporanea
AUTORE: Massimo Ginestri




SINOSSI
Quindici anni, il tempo scorre inesorabile, come la vita. Jackson si risveglia dal torpore, dalla noia di una vita che ha lasciato il segno. Torna sulla strada per cercare una via di fuga da quel mondo che gli sta stretto, dalla decadenza di ciò che lo circonda.
Da Hell Town un viaggio che lo porta a rimettersi in gioco, fuggendo i pensieri, le paure e le proprie speranze, ancora verso Nowhere cercando la redenzione e oltre, la dove può, forse ricominciare una nuova esistenza.

“…brandelli umidi di anime sole e tante piccole bugie arenate sulla riva, perché questo sono i sogni, sono solo bugie se non si trasformano in realtà.”

Il tempo, i ricordi, come un’onda, l’abbiamo cavalcata quell'onda, nei giorni in cui ci era permesso, quando i privilegi di cui eravamo portatori ci hanno dato l’incoscienza di surfare sulla sua cresta e vedere tutto da una prospettiva che in pochi hanno potuto apprezzare.
Tutto o niente, ora è tempo di rock’n roll.

martedì 18 luglio 2017

Recensione: Quel sottile confine di Cristiana Pivari


Il confine del titolo è quello che divide la normalità dalla follia, territorio sdrucciolevole che a chiunque può capitare di percorrere, in certe situazioni dell’esistenza.
All’interno di un ospedale psichiatrico giudiziario, in una sorta di sceneggiatura teatrale gli “attori” entrano ed escono dai ruoli che essi stessi, magari inconsapevolmente, hanno scelto.
Cristiana Pivari, pur nella brevità del racconto, riesce a far calare il lettore nelle pieghe della mente di chi quel confine lo ha oltrepassato senza possibilità di ritorno e, ormai, è costretto a misurarsi con i muri, fisici e mentali, della propria prigione.

Quel sottile confine su amazon.it

venerdì 14 luglio 2017

Recensione: Storie di scrittori di Ariano Geta


In questi sette racconti l’autore traccia una galleria di figure di scrittori (immaginari? Forse sì e forse no…), una sorta di catalogo di cliché letterari in cui le vicende biografiche dei protagonisti si fondono con le loro ambizioni artistiche. Si va dalla querelle fra due romanzieri famosi ai ricordi di un ex autore di successo; dalla disillusione del giovane scrittore frustrato dagli aridi meccanismi dell’editoria alla solita diatriba sulla qualità dell’autopubblicazione; dai tormenti del ghost writer, costretto a rimanere invisibile all’ombra della fama altrui, alla sindrome di colui che, giunto sempre a un passo dalla vetta, si rassegna ad arrivare eternamente secondo, per finire con lo scrittore che, incontrando il proprio personaggio, scopre che la sua versione dei fatti differisce da quella che aveva messo sulla carta.
Nella varietà di ambientazione dei racconti mi è sembrato di scorgere un dato che accomuna i diversi personaggi-scrittori: un’ostinata ossessione per il proprio lavoro, talvolta compulsiva, altre più cinicamente lucida. Chiunque abbia provato a mettere i propri pensieri nero su bianco, anche solo per diletto, probabilmente non avrà difficoltà a riconoscersi in qualcuna di queste figure. 
In questo libro Ariano Geta abbandona in parte la solita vena critica socio-storico-politica per addentrarsi nei meandri dell’arte letteraria, senza perdere il suo abituale sottile sarcasmo disincantato, né il gusto per la bella scrittura.
Consigliato per ogni scrittore o aspirante tale e, ovviamente, per tutti i lettori.


mercoledì 5 luglio 2017

Novità in ebook: Skyrise (Cronache di una Guerra Galattica Vol. 2) di Gianluca Ranieri Bandini

Appena uscito il secondo volume dell saga galattica di Gianluca Ranieri Bandini.

TITOLO: Skyrise (Cronache di una Guerra Galattica Vol. 2)
GENERE: Fantascienza
AUTORE: Gianluca Ranieri Bandini

Link per l'acquisto su amazon.it

SINOSSI
Mentre l'imperatore Trkuth è intento a perpetrare la sua vendetta e i grigi supportano i terrestri nella costruzione di una grande flotta spaziale, nel sistema Orion giunge una comunicazione criptata che potrebbe cambiare per sempre l'esito della guerra galattica. Con l'aiuto degli intrepidi El-Takim e del capitano Sii'rr alla volta di Yatian, l'umanità riuscirà a sopravvivere alla minaccia Kroxth?


mercoledì 28 giugno 2017

Recensione: La madre dell’assassino e le altre di Cristiana Pivari


Tre racconti con un tema comune, il perdono.
Quello di una madre per il figlio che si è macchiato di un delitto terribile. Di una figlia che scopre l’affetto di sua madre quando sembra ormai troppo tardi. Di una donna di mezza età che, grazie alla saggezza di una persona anziana, ritrova l’equilibrio di coppia e personale che pensava perduto per sempre.
L’autrice, che qui si firma con uno pseudonimo, ha talento per la narrazione breve, dimostra di saper padroneggiare la forma del racconto ed è brava a scavare nella psicologia dei personaggi. Tratteggia le sue protagoniste accompagnando il lettore a seguirne l’evoluzione, la crescita interiore, regalando loro una sorta di redenzione finale, di rinascita, in situazioni esistenziali che si presentano cupe e drammatiche.

martedì 27 giugno 2017

Recensione: Il destino del salmone di Stefano Baldazzi


Marco ha un passato da alcolista, violento e menefreghista, che lo ha portato a distruggere la sua famiglia. Dopo un periodo di disintossicazione, affidato alle cure di Don Carnera, un prete dalle mani pesanti ma profondo conoscitore dell’animo umano, decide di ritirarsi in un paesino ai piedi delle dolomiti, per provare a rimettere insieme i pezzi della sua esistenza. Qui, fra lunghe escursioni in montagna e un nuovo lavoro, incontra Marzia, una ragazza ferita quanto lui. Questa particolare amicizia, fatta di silenzi e improvvise complicità, lo sprona a cercare di recuperare un legame che pensava perduto per sempre negli eccessi della sua vita precedente.
Un bel noir, giocato fra i pensieri del protagonista e gli eventi che gli accadono intorno, spesso a sua insaputa; i fili di una trama che si tesse poco a poco, come una rete dove il salmone incontra il suo destino.