domenica 27 aprile 2014

Consigli sulla scrittura #2

Secondo appuntamento con i consigli degli scrittori professionisti.

Neil Gaiman


1. Scrivi.
2. Metti una parola dietro l’altra. Trova la parola giusta, scrivila.
3. Finisci ciò che stai scrivendo. Anche se hai altro da fare, finisci, finisci.
4. Mettilo da parte. Poi leggilo facendo finta di non averlo mai letto prima. Fallo vedere ad amici di cui rispetti il giudizio e a cui piacciono cose del genere.
5. Ricordati: quando qualcuno ti dice che qualcosa non va o a suo parere non funziona, ha quasi sempre ragione. Quando ti dice esattamente cos’è che non va secondo lui e come dovresti aggiustarlo, ha quasi sempre torto.
6. Aggiusta ciò che hai scritto. Ricorda che affinché tu possa eventualmente raggiungere la perfezione, dovrai lasciar stare, passare ad altro, cominciare a scrivere un’altra cosa. La perfezione è come inseguire l’orizzonte. Non smettere mai di muoverti.
7. Ridi delle tue battute.
8. La regola principale della scrittura è che, se hai abbastanza sicurezza e fiducia, puoi fare tutto quello che ti pare. (Questa potrebbe essere una regola sia per la vita che per la scrittura. Ma per la scrittura funziona davvero.)


Ray Bradbury

1. Mettersi al lavoro. Tu non sai quello che si può fare fino a quando non si tenta. Gli scrittori invece di chiedere che cosa devo fare? Devono domandarsi che cosa sono io? E iniziare a scrivere da quella risposta. 
2. Visita la biblioteca spesso. La visita a una biblioteca è essenziale per diventare un buon scrittore, è un luogo pieno di sorprese, a volte è meglio sbarazzarsi del computer e di Internet. 
3. Guardare buoni film. Aiuta a migliorare la scrittura. 
4. Dieci cose che amo, dieci cose che odio. Fare una lista di dieci cose che si amano, dieci cose che si odiano e dieci cose di cui si ha paura. Nella scrittura bisogna quindi esaltare ciò che si ama e uccidere ciò che si odia e fa paura. 
5. Scegliete con cura ciò che si legge. È fonte di creatività.    
6. Tenete lontano i vostri idoli. Va bene avere scrittori che si ammirano, ma si corre il rischio di copiarli sia consciamente che inconsciamente, quindi è essenziale trovare la propria identità. 
7. Iniziate scrivendo brevi testi. L'ansia è comune in coloro che si avviano nel mondo della scrittura. Bisogna essere pazienti prima di dedicarsi a scrivere un romanzo: è preferibile partire scrivendo racconti brevi e imparare la l’arte. Se ci si imbarca sulla scrittura di un romanzo è difficile sapere come sarà il risultato finale. Invece, se si scrivono testi brevi, si può vedere il risultato alla fine della settimana e l’autostima ne trarrà beneficio. 
8. Scrivi la prima cosa che viene in mente. Bradbury, per combattere il blocco dello scrittore, aveva un cartello che diceva di non pensare proprio accanto alla macchina da scrivere. Se la mente è completamente vuota è perché si sta facendo qualcosa di sbagliato e non si sta divertendo e allora è consigliabile tornare alla linea di pensiero in cui eravate prima di perdere l'ispirazione. 
9. Alimenta la tua fantasia. Una tecnica per mantenere la mente sveglia è quella di leggere un racconto, una poesia e un saggio ogni sera prima di andare a dormire: è un metodo utile per integrare le informazioni ed alimentare la creatività. 
10. Mantenete la distanza da persone che non credono in te. State lontano dalle persone che non credono nel talento che avete.  
11. Non pensate a fare soldi: vi disamorereste del mestiere. 
12. Scrivete con uno scopo. Chiedetevi che cosa si vuole creare con la vostra scrittura. Ci sono persone che cercano di lasciare un messaggio, altri per creare qualcosa di bello, alcuni per ritrarre una certa realtà. Lo scopo di Bradbury è stato quello di essere amato per quello che ha fatto. 
13 . Godete. Pensate alla scrittura - più che a un lavoro - a un processo gioioso e non qualcosa di serio. Tanto è vero che uno scrittore famoso disse di non aver mai lavorato un giorno in vita sua.


Christopher Paolini

1. Leggi molto. Ma non basta leggere per piacere; prendi un libro che sai che è ben scritto e studia come l'autore costruisce le frasi e i paragrafi. Inoltre, esamina come lui o lei mantiene coinvolti emotivamente i lettori, attraverso uno stile coinvolgente, le situazioni dei diversi personaggi, o la combinazione di entrambi i fattori.
2. Scrivi su ciò che ami di più. Questo ti spingerà a scrivere il meglio e a mantenerti a lavoro nel caso perdi temporaneamente la fiducia. Prendi le idee e i sentimenti che sono per te importanti e usali come base per la storia. Se la prospettiva della stesura di una tua storia non ti infiamma il sangue di entusiasmo, trova una professione più semplice. La scrittura è un'ossessione.
3. Conosci intimamente il mestiere. Parte di tutto questo proviene dalla lettura intensiva e dallo scoprire come gli altri autori utilizzano la propria lingua parlata, ma il resto comporta lo studio della grammatica per imparare ciò che è appropriato e ciò che non lo è. Utilizza un dizionario di sinonimi per ampliare il tuo vocabolario.
4. Evita i clichè. Semplice, ma allo stesso tempo difficile. Quando scrivi una descrizione, un dialogo, o la caratterizzazione dei personaggi, la prima frase che ti viene in mente potrebbe essere qualcosa di banale, già vista così tante volte che si è fissata nel tuo cervello. Prova a raccontare cosa vuoi dire semplicemente a parole tue.
5. Evita le voci passive. Invece di "La scadenza non è stata rispettata dal candidato" scrivi "Il candidato non ha rispettato la scadenza". Il sostantivo dovrebbe reggere il verbo in modo semplice. Esistono poche eccezioni.
6. Sii consapevole del tuo punto di vista. A meno che non si stia utilizzando un punto di vista esterno, resta sugli avvenimenti che il personaggio e il lettore sta vivendo, e non scrivere su ciò che il personaggio non potrebbe sentire, vedere o conoscere. Se si cambia il punto di vista, sia in prima che in terza persona, assicurati che venga fatto in modo chiaro e che ci siano buone ragioni per farlo.
7. Impara a tracciare una storia. Le cose che accadono in un libro devono essere realistiche. Per avere senso, gli eventi vengono solitamente disposti in modo lineare, dal più piccolo al più importante. 
8. Evita parole in eccesso. Dì solo quello che serve per trasmettere il tuo pensiero.
9. Non avere paura di pesanti modifiche. Nessuno fa le cose bene la prima volta. Chiedi ad un autore, un insegnante, o ad altre persone competenti di leggere e modificare il tuo manoscritto. Non essendo emotivamente legati al libro, lui o lei saranno in grado di indicarti la vita per migliorare il tuo lavoro. Non prendere i commenti sul personale, ma cerca di imparare da loro.
10. Perseveranza. Questo è il punto più difficile da padroneggiare. Scrivere costantemente è il modo migliore per migliorare. Scrivi, scrivi, scrivi fino a quando le parole non sembreranno più stonate, fino ad avere confidenza nell'affrontare le varie parti del mestiere - dialogo, descrizione, azione, grammatica - e fino a quando riesci ad ottenere il miglior effetto o emozione che desideri trasmettere.