martedì 30 settembre 2014

Intervista a Monica Roiati

Scambiamo quattro chiacchiere con Monica Roiati, autrice di "3x3 Racconti erotici".

1. Ciao Monica, benvenuta sul mio blog. Due parole su di te per i miei lettori?
Ciao Roberto, e grazie per avermi invitata sul tuo blog. Due parole, per una logorroica come me, saranno difficili ma ci provo! Sono una donna che ha superato i 40 da qualche anno! Sono nata e vivo a Roma da sempre. Faccio la mamma a tempo pieno, sono sposata, lavoro per un ente pubblico di ricerca scientifica. Diciamo pure che, il lavoro che faccio, non è la mia “vocazione”. Da sempre amo disegnare, dipingere, creare bigiotteria, insomma realizzare bellezza con le mani. Questa è la mia vocazione vera. Nel poco tempo libero mi tengo in forma con la difesa personale, quindi attenti J. Amo leggere, mangiare bene, ridere con gli amici e godere della bellezza, sempre e ovunque. Da sempre, la bellezza, l’armonia e l’amore sono una ricerca costante, una tensione interiore, un anelito. Di me dicono spesso che sembro una donna precisa, formale… un po’ perfettina, poi però conoscendomi si sorprendono di quanto sia ironica, pazzerella, informale. 

2. Come ti sei avvicinata alla scrittura? Ci sono degli autori che ti hanno ispirata e influenzata?
Mi sono avvicinata  per gioco, questo libro nasce dalle chiacchiere con tre colleghe in pausa pranzo. Ci siamo ritrovare a parlare di sesso e a lamentare una certa visione dello stesso da parte della società. Per gioco, quindi, decidemmo di scrivere dei racconti. Ci siamo date un tempo di realizzazione e poi ci saremmo dovute scambiare le “opere”. Allo scadere del termine, io avevo scritto il mio racconto, loro, le colleghe non avevano prodotto nulla. Gli diedi ugualmente il mio da leggere e loro lo apprezzarono molto. Mi incoraggiarono ad andare avanti ed io colsi questa sfida. Così è iniziata questa avventura. Per rispondere alla tua seconda domanda ti dico che io leggo da tempo, ma ciò che mi spinge a leggere un libro è la ricerca delle emozioni che questo ti da. Non leggo per sbandierare le mie letture e sparare citazioni. L’Ego tento sempre di tenerlo a bada. Diciamo che ho letto prevalentemente autrici. Le storie delle donne, vere ed eroine di romanzi, con le loro complessità e sfumature mi hanno ispirata. Faccio fatica a leggere ciò che scrivono gli uomini. Adoro Isabel Allende, ho letto tutto di lei… ma chiaramente ho letto anche molto altro! 

3. Il tuo primo libro, una raccolta di racconti erotici, ha una struttura narrativa un po’ particolare, ce ne vuoi parlare?
Anche questo è frutto del “caso”. Ho cominciato  a scrivere per così dire “sotto dettatura”. Ora non vorrei apparire più matta di quello che io non sono già, ma le tre donne protagoniste dei racconti si sono presentate a me con il loro nome e hanno cominciato a raccontare le loro storie, tutte diverse tra loro. Poi successivamente, avvalendomi del parere di mio marito che leggeva man mano, lui stesso mi suggerì di raccontare la storia dal punto di vista dell’uomo, quindi l’idea è stata sua. Io, ho colto la sfida, ed è stato un vero lavoro quello che ho fatto su di me. Mi sono dovuta calare nei panni di tre uomini diversissimi. E’ stata una bella avventura della quale raccolgo i frutti ogni volta che un uomo, dopo aver letto il libro si congratula con me proprio per aver colto il “loro” modo di vivere la sessualità, la vita e i sentimenti. E’ motivo di grande soddisfazione per me! Calarmi nelle vesti degli uomini mi è stato d’aiuto anche nel quotidiano, mi ha dato l’opportunità di vederli “da dentro” e questo me li ha fatti apprezzare molto di più.

4. Sei soddisfatta dall’accoglienza che ha avuto il tuo esordio letterario? Quali sono le tue aspettative su quest’opera?
Soddisfatta, sì! Ho ricevuto apprezzamento da chi lo ha letto e per fortuna non sono solo parenti ed amici, ma anche scrittori, sconosciuti e professori universitari. Ciò che mi piace molto è che ognuno ne fa una lettura tutta sua, ognuno coglie visioni e sfumature diverse. Purtroppo, però,  non riesco ad avere un realistico riscontro di vendite, la casa editrice è un po’ latitante. Comunque il libro si trova in tutte le librerie on-line, ora anche su Amazon! E da Feltrinelli lo puoi ordinare ed avere in 24 ore. A dire il vero in un paio di librerie a Roma è disponibile. Tutto ciò mi fa ben sperare. Riguardo le aspettative… beh… che dire! Spero che si continui a leggere, e vorrei trovare la strada per realizzare il mio sogno: farlo diventare un film. Secondo me si presta molto. Questo il mio sogno nel cassetto.

5. So che sei alle prese con un nuovo progetto, qualche anticipazione?
Bene, veniamo al futuro! Sto scrivendo un romanzo che è la continuazione del primo libro scritto. Qui narrerò cosa accade ad alcuni dei sei protagonisti del primo libro. Il romanzo potrà essere letto anche in maniera autonoma, quindi ignorando il primo, ma per chi mi conosce già sarà l’occasione per sapere che fine hanno fatto Elisa, Giulia, Chiara e Igor. Non sarà un romanzo erotico, anche se non escludo qualche intenso momento di sano sesso. Qui il motore sarà un altro, saranno i sentimenti, l’amore. In realtà sarà la prosecuzione di quel viaggio iniziato utilizzando il sesso come strumento di conoscenza, per poi salire verso  il cuore e porsi una domanda interessante: è l’Amore un bisogno o un desiderio? Chissà cosa avranno da raccontarci?

6. Quali sono le tue strategie promozionali? Ti senti supportata dal tuo editore oppure vorresti più impegno da parte sua?
Caro Roberto, le strategie promozionali sono totalmente a mio carico. Sia economico che organizzativo. Infatti faccio un po’ fatica a tenere in piedi tutto (lavoro, famiglia, promozione). Faccio del mio meglio ed in questo senso lavorare in una segreteria organizzativa di un ente mi aiuta ad avere un approccio creativo, che mira alla soluzione del problema. Quindi mi do molto da fare, ma ci vorrebbero un sacco di soldi e tanto tempo. Due cose che scarseggiano nella mia vita! Comunque, utilizzo molto facebook per la promozione, inoltre sono presente nella piattaforma di Libreriamo bookcamp (una rivista on-line della Mondadori?), ho anche aperto un blog nel quale i personaggi del libro postano autonomamente, in prima persona.  Vorrei fare molto di più, anche perché mi diverte moltissimo. Ed il divertimento in tutta questa avventura è la parte migliore. Chiaramente, per rispondere alla tua domanda, vorrei sentirmi più sostenuta dalla casa editrice. 

7. L’editoria in Italia è in crisi da tempo, è cosa nota. Oltre alla carenza cronica di lettori, quali ritieni che siano i motivi di questa situazione?
Bella domanda, che meriterebbe un dibattito. Posso dire che purtroppo noi italiani siamo poco lungimiranti e poco inclini al cambiamento. Ne consegue che le case editrici “famose” pubblicano solo a colpo sicuro,  e le case editrici piccole si arrampicano sugli specchi per non morire. Gli scrittori emergenti non se li sogna nessuno, cioè, pochissime case editrici pubblicano sconosciuti il resto lo fa a pagamento per tirare avanti. I lettori poi ci mettono del loro! Entrano in libreria e acquistano spesso, troppo spesso, l’autore famoso che ha avuto dalla sua una pubblicità sfrenata e costosa. Risultato: nessuno punta sui nuovi scrittori. Poi però ci sono anche i preconcetti, tra questi quelli di tanta gente presuntuosa che senza leggerti ti affossa, solo perché non pubblicato con case editrici di pregio. A me è successo in un gruppo di lettori su facebook. Ti assicuro che è stato molto sgradevole. Quindi, riepilogando, nessuno vuole cambiare il suo punto di vista e rischiare, per pigrizia, indolenza, paura. Sia le case editrici che il lettore che entra distratto in libreria. Questa la mia superficiale analisi, scaturita dalla mia mia duplice posizione di lettrice ed autrice. Risultato: non c’è movimento, ricambio, curiosità. Voglia di nuovo.

8. I tuoi sogni nel cassetto…
Roberto, di sogni ne ho tanti, troppi! Alcuni inconfessabili. Quelli chiaramente li escludo, non te li dico J Per quelli condivisibili eccoli in ordine sparso: Vincere l’edizione di Miss Italia over 40 (non credo esista) ma vorrei prendermi qualche rivincita. Realizzare il film con il mio libro 3x3 racconti erotici. Vivere una vita in armonia con i miei desideri più autentici (ci provo ogni mattina… mah!). Raggiungere il mio peso forma e mantenerlo, nonostante le abbuffate di pane e nutella. Vivere in un mondo migliore, più attento all’unico bene, la VITA! Realizzare un secondo romanzo che arrivi al cuore di chi lo legge, lasciare così una traccia di me… (anche se ho già due cloni che vanno in giro, i miei adorati figli)

Grazie per la chiacchierata, Monica. Ci puoi indicare qualche link dove trovare i tuoi libri?

Grazie Roberto per l’opportunità che hai dato a questa perfetta sconosciuta. E’ stato un piacere.

I link eccoli di seguito:

Pagina facebook di 3x3 Racconti erotici
Blog
Canale youtube con presentazione del libro e varie
Casa Editrice

Link a librerie on line dove acquistare 3x3 Racconti erotici

Ibs.it  -  Libreria Rizzoli.it  -  Webster.it  -  La feltrinelli.it  -  inMondadori.it  -  Libreriauniversitaria.it  -  Amazon.it