lunedì 12 maggio 2014

Recensione: Anelli di quercia di Cristina Bergomi


Un libro molto intenso, per l’argomento che tratta e per il modo in cui lo fa. L’inferno domestico della protagonista è raccontato quasi come un diario, intervallato dai flashback del suo passato e di quello del marito, che gettano uno sguardo rivelatore sui motivi di un tale vortice di sofferenza, di rassegnazione e incapacità di riprendere in mano la propria vita. Penso che l’autrice sia riuscita a rendere in maniera vivida e realistica le dinamiche di amore e odio, di possesso, di attaccamento morboso e malato che dominano certi rapporti uomo-donna. Credo che tutti dovrebbero leggerlo, perché questo libro, più di molte speculazioni giornalistiche, riesce veramente a farci entrare nei meccanismi della violenza familiare, una realtà che troppo spesso siamo portati a non comprendere fino in fondo, a giudicare con i parametri di una “normalità” che ci lascia indifferenti alle difficoltà di chi non vive la nostra stessa esistenza.

Anelli di quercia su amazon.it