mercoledì 16 dicembre 2015

Novità in libreria: Il sonno della ragione di Manuel Fondato

TITOLO: Il sonno della ragione
GENERE: Narrativa Contemporanea
AUTORE: Manuel fondato
EDITORE: Historica

Link per l'acquisto su Historica Edizioni
Pagina Facebook

SINOSSI
Roma 1964, in seguito all’improvvisa morte del padre, principale collaboratore del potentissimo ministro Umberto De Francesco e alla nuova relazione della madre con il giornalista Eugenio Conforti, il giovane Paolo Basile decide di andare via di casa, nonostante il grandissimo legame con la sorella Giulia, ancora adolescente. Sceglie di arruolarsi come ufficiale nei Carabinieri per poter proseguire gli studi in Accademia e chiede aiuto proprio a De Francesco, che lo accontenta anche per sottrarlo all’influenza di Conforti suo feroce oppositore. Diventato Capitano, Paolo viene notato dal Generale Tiziano D'Onofrio, che sta costituendo a Torino un nucleo speciale per contrastare l’emergente fenomeno del terrorismo. Affascinato dal carisma del superiore, accetta di farne parte, pur consapevole di andare incontro ad una vita semiclandestina senza orari ed affetti.
Una notte durante un posto di blocco i suoi uomini fermano un’auto e gli portano i documenti della coppia che è all’interno. Nonostante il nome e il taglio di capelli differenti, Paolo, osservando la foto della donna, crede di riconoscere sua sorella Giulia.

NOTE BIOGRAFICHE
Manuel Fondato è nato a Roma il 4/3/1976.
Già consulente per la comunicazione alla Regione Lazio, per Zètema s.r.l. municipalizzata preposta all'attività dei musei della città di Roma, capo settore della Presidenza del Consiglio Comunale nell'Ufficio stampa del Comune di Roma dal 2008 al 2013.
Scrive per il quotidiano Il Tempo di politica. Si è occupato fenomeno del terrorismo in Italia in numerosi articoli e interviste ai protagonisti di quegli anni, tra cui il Generale Umberto Rocca, medaglia d'oro al valor militare in seguito alle menomazioni causate dal conflitto a fuoco in cui perse la vita Mara Cagol, fondatrice delle Brigate Rosse e Maria Ricci, vedova di Domenico, autista di Aldo Moro caduto in via Fani. Quest'ultimo contributo è stato utilizzato dall'Associazione vittime del terrorismo per diverse mostre realizzate a Torino e Roma.