giovedì 29 dicembre 2016

Recensione: Anna e lui di Selina De Vivo


La storia di due amiche che si dipana nell’arco di trent’anni, dal momento in cui Anna incontra un misterioso e affascinante uomo, Seth. Quel solo giorno in sua compagnia segnerà per sempre la sua vita e, di riflesso, anche quella di Sandy. Quando Anna, colpita da un male incurabile, sente avvicinarsi la fine, affida a Sandy le sue memorie e il compito di scrivere la sua storia, sulla quale aveva steso un velo di silenzio per tutto quel tempo. La donna si avventura in questa ricerca, tra ricordi e incontri che la portano a ricostruire la verità, a capire perché Anna era fuggita da quell’uomo, nonostante ne fosse attratta e, allo stesso tempo a scavare dentro quelle sue zone oscure che ha sempre cercato di  ignorare.
La struttura del libro è composta da brevi capitoli, con continui salti fra il presente e il passato, fra introspezione e pagine dedicate all’amicizia che lega le due protagoniste, al loro essere diverse ma complementari, alla gioia di vivere, che riesce a vincere su tutto in certi momenti e sembra spegnersi in altri.
Avevo già letto una raccolta di racconti di Selina De Vivo, apprezzando il bello stile e la sua capacità di “giocare” con le emozioni e con il lettore, cambiando prospettiva e punto di vista pagina dopo pagina, qualità che ritrovo in questo romanzo, arricchite da una trama ben congegnata e articolata. Libro difficilmente inquadrabile in un genere specifico, assolutamente da leggere.